Pulito è bello, sanificato è meglio!


Sanificazione delle nostre ambulanze

Siamo stati i primi ad adottare questo tipo di sanificazione, (prima ancora dell'evento COVID 19). Nei mezzi sanitari il rischio di contrarre infezioni è elevato. Le persone trasportate e il personale medico sono a diretto contatto con le mani, con materiali organici e liquidi biologici (sangue, urina, rigurgiti, goccioline di saliva e sudore), con oggetti e tessuti potenzialmente infetti. Il vano sanitario e le attrezzature devono essere pertanto sempre disinfettati e igienizzati con estrema cura e attenzione.

La struttura delle ambulanze e la presenza delle apparecchiature impedisce una procedura di disinfezione tradizionale ottimale, specie dei punti difficili da raggiungere con panni e carta assorbente, dove facilmente si annidano virus e batteri.

Per garantire la sicurezza e la salute degli operatori e delle persone assistite, la sanificazione con l'ozono è la soluzione ideale, perché igienizza e decontamina la cellula sanitaria con estrema efficacia, permettendo una disinfezione di alto livello (HL). L'ozono, infatti, essendo un gas, si diffonde ovunque e penetra facilmente nei tessuti e grazie alle sue proprietà antimicrobiche e antimicotiche inattiva i virus e uccide più del 99% dei batteri.

Vantaggi e benefici

  • Numerosi studi affermano che la disinfezione e sanificazione mediante l'ozono è oltre 2000 volte più efficace di qualunque tipo di sanificazione tradizionale.
    Il sistema di sanificazione all'ozono è un metodo di pulizia completamente ecologico, non lasciando dietro di sé alcun tipo di residuo chimico, ed è stato definito come agente sicuro "GRAS" dall'F.D.A, l'ente statunitense Food and Drug Administration.
    In Italia il Ministero della Sanità, con il protocollo n° 24482 del 31/07/1996, ha riconosciuto il sistema di sanificazione con l'ozono come presidio naturale per la sterilizzazione di ambienti contaminati da batteri, virus, spore, eccetera e infestati da acari ed insetti.
    • È un procedimento riconosciuto dal Ministero della Sanità.